I cani e il nuoto

canisenzavista nuoto

Ciao Amici! Se in queste belle giornate avete la possibilità di andare in spiaggia con il vostro cane, noterete che non tutti i cani hanno lo stesso rapporto con il mare. Alcuni adorano fare il bagno e si tuffano, altri sono più titubanti e al massimo si bagnano le zampette.

Il rapporto con l’acqua è piuttosto soggettivo, ma in linea di massima la maggior parte dei cani ama nuotare.

Ci sono dei cani che invece sembrano odiare l’acqua, ma in questi casi la vera ragione probabilmente è dovuta a un errato approccio iniziale, ad esempio un trauma o qualcosa di spiacevole che gli è accaduto da piccoli e che mettono in relazione ai primi bagni. Se abituati nel modo corretto all’acqua, la maggior parte dei cani può nuotare molto bene. Esistono solo poche razze inadatte al nuoto a causa della loro struttura fisica, come ad esempio i bulldog o i basset-hound e in genere tutti i cani che hanno conformazione simile, che per via del torace largo e delle zampe corte fanno fatica a nuotare. Ciò però non significa che non si possano divertire in acqua.

Il nuoto è un ottimo esercizio per ogni cane. Rafforza il cuore e i polmoni, gli da sollievo dal caldo e stimola l’intera muscolatura. Proprio come per gli umani, il nuoto rispetto ad altre attività fisiche non è faticoso per le articolazioni delle anche e delle spalle e ciò lo rende ideale sia per i cuccioli che si stanno ancora sviluppando sia per i cani più grandi con qualche problema articolare.

I cani entrano in acqua generalmente in modo istintivo e naturale e imparano da soli a nuotare. Se fate il bagno con loro, ricordate che dovete lasciarli fare liberamente quello che vogliono e non dovete stare a chiamarli troppo. Il nuoto, seppur divertente, è un’attività molto faticosa anche per loro. I cani sanno autonomamente come gestire le proprie forze e i limiti della loro resistenza. Non state quindi a stressarli mentre fanno il bagno affinché vi raggiungano: spesso li vedrete allontanarsi e tornare a riva semplicemente perché sono stanchi e devono riprendere un po’ di fiato e forze…..dopo qualche minuto quando si saranno riposati torneranno naturalmente da voi. Anche i cani non vedenti e ipovedenti saranno felici di nuotare al mare. Evitate di portarli solo nel caso in cui la loro patologia non richieda una protezione specifica da raggi UV, sale e vento. L’attività gioverà alla loro salute in generale e finalmente si sentiranno liberi, senza ostacoli da evitare o da aggirare. Magari inizialmente saranno un po’ titubanti, come lo sono sempre, ma quando capiranno che è divertente e non ci sono pericoli, vorranno nuotare tutto il giorno!

L’unica raccomandazione che vi do è di portarli in un posto con l’acqua bassa (cioè dove voi toccate) e senza forti correnti, affinché possiate acciuffarli agevolmente se dovessero perdere l’orientamento. Se dovessero vivere una brutta esperienza non ne vorranno più sapere di riprovare!

Quindi, se volete farli familiarizzare con il mare, innanzitutto portateli in spiaggia con voi e camminate sulla riva, dapprima con il guinzaglio, poi toglieteglielo e lasciatelo curiosare e gironzolare da solo. Parlategli affinché capisca che voi comunque siete vicini. Inizialmente è probabile che si ritrarranno un po’….ma poi vedrete che si spingeranno sempre più in mare. Non cercate di persuadere il vostro cane ad immergersi, vedrete che lo farà da solo se ne ha voglia. La cosa in assoluto più sbagliata da fare, è di lanciare in acqua il proprio cane. Questo è decisamente l’errore più comune commesso dai padroni dei cani che si accingono ad insegnargli a nuotare.

Quando il cane inizia a bagnarsi le zampe nell’acqua poco profonda lodatelo con enfasi. Vedrete che sarà tutto un entrare e uscire dal mare all’inizio. Voi continuate a lodarlo quando si bagna, perché così lo rassicurate e gli infondete coraggio e gli fate capire che l’acqua non è pericolosa.

Quando vi sembra che oramai si trovi a suo agio nell’acqua poco profonda, provate a spingervi dove lui non tocca sempre parlandogli. Lui tenterà di seguirvi sicuramente. Riempitelo di complimenti ogni volta che il vostro cane si avventura un po’ più in là e comincia ad immergersi sempre di più.

Non abbiate fretta, e ripetete questo esercizio dieci o venti volte, lodando il vostro cane ogni volta che va in acqua un po’ più alta finché sarà costretto ad iniziare a nuotare. State attenti però a non costringerlo a raggiungere punti pericolosi: siete comunque sempre i suoi occhi e siete responsabili della sua incolumità.

Approcciando l’acqua in questo modo graduale e giocoso, sicuramente il vostro cane riuscirà a prendere confidenza con l’acqua e imparerà a nuotare nell’arco di qualche giorno al massimo.

Buon bagno!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Scrivetemi!
    Sarò felice di rispondere alle vostre domande, leggere e condividere con tutti gli altri lettori le vostre esperienze.

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • Calendario

    agosto: 2014
    L M M G V S D
    « Lug   Set »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: