Comandi per cani ciechi: vieni! – Parte 2

 

Insegnare il richiamo con un familiare o un amico è un metodo ottimo per variare il training e renderlo meno ripetitivo. l cani dopo un po’ di tempo che ripetono la stessa azione si annoiano e perdono interesse. Questo è un buon sistema per ottenere lo stesso obiettivo esercitandosi in modo diverso e divertente. Gli sembrerà più simile a un gioco che al training vero e proprio.

 

Inoltre devono imparare a rispondere al richiamo anche di altre persone che potrebbero prendersene cura in vostra assenza o che potrebbero portarlo a passeggiare al vostro posto.

Questo tipo di esercitazione è anche utile nel caso in cui il vostro cane è insicuro e vi segue sempre e quindi non riuscite ad insegnargli il richiamo nel modo spiegato nel post precedente, semplicemente perché non vi permette di allontanarvi più di due passi da voi.

Iniziate ad eseguire il comando in casa, in una stanza sgombra da ostacoli. Fate tenere in vostro cane al guinzaglio da un amico. Allontanatevi di circa 4/5 passi. Quando avrete raggiunto la posizione, iniziate a chiamarlo, mentre il vostro amico lascia il guinzaglio. Chiamatelo ripetutamente affinché attraverso il suono della vostra voce riesca a localizzarvi. Quando vi raggiunge premiatelo e lodatelo. Fate ora la stessa cosa che ha fatto il vostro amico: tenetelo voi al guinzaglio mentre l’altro lo chiama. Poi lasciate la presa e attendete che lo raggiunga. Il vostro amico dovrà fare come voi: aiutarlo a localizzarlo attraverso la sua voce e premiarlo e lodarlo quando lo trova. In tutto ciò voi dovrete stare assolutamente zitti altrimenti istintivamente verrà da voi invece che raggiungere lui.

Questo esercizio sembra sciocco e banale, ma  utilissimo per infondere sicurezza a un cane timoroso e ansioso. Il riuscire a centrare l’obiettivo lo farà sentire meglio e gli darà la sicurezza per fare anche altri esercizi in modo positivo e efficace. Inoltre il fatto di riuscire a localizzarvi gli farà calare l’ansia da allontanamento, che colpisce nei primi tempi molti cani che hanno perso la vista. Capirà che è in grado lo stesso di trovarvi anche quando siete lontani e ciò gli darà maggiore serenità.

Dopo qualche sessione, quando il cane avrà imparato, il guinzaglio non sarà più necessario. Fatelo gironzolare libero per casa e voi e il vostro amico posizionatevi ai lati opposti della stanza. Chiamatelo a vicenda, in modo continuo affinché possa localizzarvi, ma evitate di sovrapporre le vostre voci, almeno le prime volte. Quando vi raggiunge premiatelo sempre.

Il video, seppure in inglese, spiega chiaramente come fare e spero possa esservi utile. Con il tempo voi e il vostro amico potrete anche dislocarvi in stanze diverse della casa (sempre che la casa sia ormai familiare al cane e ne abbia già elaborato la mappa mentale) per fare questo esercizio.

Buon training!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Scrivetemi!
    Sarò felice di rispondere alle vostre domande, leggere e condividere con tutti gli altri lettori le vostre esperienze.

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • Calendario

    luglio: 2014
    L M M G V S D
    « Giu   Ago »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: