Atteggiamenti particolari nei cani ciechi e ipovedenti

cani senza vista abbaiare

Come tutti sanno i cani abbaiano. E’ nella loro natura. E’ uno dei modi che hanno per esprimersi e farsi capire dai loro simili e dagli umani. Ancora nel 2013 esiste gente nel mondo che non capisce che tutti gli esseri viventi hanno il DIRITTO di esprimersi, cani compresi, ma tralasciamo questo argomento che ci porterebbe fuori tema….ma chi vuol capire, capisca….

Quando un cane abbaia, lo fa per una ragione ben precisa e valida. Abbaiare può avere moltissimi significati: può servire per difendere il territorio da un pericolo, spaventando un eventuale incursore e richiamando l’attenzione del capobranco, può essere usato per tenersi in contatto con gli altri cani, oppure perché si ha voglia di giocare o si è infastiditi, o perché si ha paura a dormire fuori da soli……o perché ormai non ce la fa più e vuole avvisarvi che è ora che lo portiate fuori a fare i bisogni.

Con il tempo tutti i padroni riescono a capire perché il proprio cane abbaia e la differenza tra i vari tipi di abbaio.

Se il vostro cane ha perso la vista o sta perdendo la vista potrà cambiare il suo modo di abbaiare e forse userà questo suo modo di comunicare per trasmettervi messaggi nuovi. Alcuni abbaieranno di più. Altri abbaieranno meno di prima. Dipenderà molto dalla loro indole, dal loro atteggiamento verso l’abbaio prima della malattia, da quanto sono già riusciti a rendersi indipendenti nonostante la loro menomazione e dal loro grado di sicurezza.

I cani ciechi o ipovedenti tenderanno ad abbaiare di più quando sono frustrati, insicuri o hanno bisogno del vostro aiuto immediato. Alcuni cani semplicemente si siedono e abbaiano una volta. Se non accorrete subito, lo faranno di nuovo. Questo atteggiamento significa che hanno necessità del vostro aiuto per far qualcosa che non sono in grado di fare da soli (ad esempio, aprire la porta per uscire o riempire la ciotola dell’acqua). Oppure lo faranno quando hanno perso l’orientamento e non sanno bene dove si trovano. L’abbaio in questo caso non è assolutamente un comportamento da punire: viene fatto per richiamare la vostra attenzione perché c’è veramente bisogno di voi.

Talvolta i cani divenuti ciechi o fortemente ipovedenti abbaiano molto meno di prima. La ragione è che abbaiando si rendono più “ visibili” e annunciano la loro presenza, quindi potrebbero essere oggetto di attacchi da nemici senza potersi difendere, dato che non li percepirebbero. Se il vostro cane è stato sempre pauroso, insicuro e sottomesso nei confronti degli altri cani anche prima della malattia, probabilmente reagirà in questo modo. L’abbaiare di meno potrebbe anche essere un sintomo di depressione, quindi la frequenza dell’abbaio è un elemento da monitorare in questo periodo delicato.

La perdita graduale o improvvisa della vista potrebbe anche aumentare la loro attitudine a girare in cerchio. Una volta accertato che non ci siano problemi fisici connessi a questo comportamento (stati dolorosi generati ad esempio da glaucoma, infiammazioni, problemi all’orecchio, ecc) e che non debba uscire a fare i bisogni, il girare in tondo è da considerarsi semplicemente un metodo per capire cosa sta succedendo intorno a loro. Generalmente si mettono a girare in tondo quando si sentono improvvisamente incerti e hanno bisogno di sapere dove si trovano. E’ un mezzo per memorizzare l’ambiente e capire quali aree sono libere da ostacoli, in cui si può camminare tranquillamente. La causa di questo atteggiamento è il disorientamento: cercano semplicemente qualche segnale familiare che li possa aiutare ad orientarsi e continueranno a farlo finché non l’hanno trovato. Una volta mappato il loro territorio, di solito i cani diminuiscono questa attività fino a farla cessare del tutto quando si trovano in posti che conoscono già. I padroni possono aiutarli ad orientarsi riportandoli verso un posto che gli è familiare, per esempio la loro cuccia. Oppure possono fornirgli segnali uditivi, come ad esempio lasciare accesa la radio o la TV per dargli indicazioni supplementari che li aiutino a capire dove sono.

Se questo comportamento diventa eccessivo, la causa potrebbe essere anche la noia o la mancanza di esercizio fisico. Lo avete già portato a fare la sua passeggiata????? Quanto avete giocato oggi??? In questo caso cercate di coinvolgere il vostro cucciolo in altre attività interessanti. Vedrete che smetterà all’istante!

Comments
One Response to “Atteggiamenti particolari nei cani ciechi e ipovedenti”
  1. aletom78 ha detto:

    Ciao Monia,
    Nanà è arrivata 2 mesi fa dal canile.
    E’ una meticcia (ha tratti da lupo) di circa 9 anni, quasi completamente cieca.
    L’integrazione con le nostre vite e i nostri 3 gatti è andata sostanzialmente bene (il rapporto con i gatti è ancora agli inizi) salvo il grosso problema dell’abbaio continuo, dalla mattina quando la lasciamo fuori in giardino alla sera quando torniamo dal lavoro.
    Ha a disposizione un piccolo giardino che ormai conosce alla perfezione.
    Abbaia quando i nostri vicini escono e tornano a casa, quando sente l’odore dei gatti (su questi punti la posso capire!) ma anche quando è tutto tranquillo, almeno a me sembra (ho verificato tutti i weekend e durante le vacanze di natale dato che era a casa dal lavoro). I miei vicini hanno resistito per un po’ ma adesso hanno cominciato a manifestare una certa insofferenza (e li capisco!).
    Innanzitutto ti vorrei chiedere da cosa può dipendere?
    Cosa possiamo fare noi per aiutarla e quanto meno ridurre l’abbaio?
    E’ meglio coinvolgere un educatore?
    Grazie e complimenti per il tuo blog!
    Alessandra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Scrivetemi!
    Sarò felice di rispondere alle vostre domande, leggere e condividere con tutti gli altri lettori le vostre esperienze.

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: